Yule, il singolo di debutto è Il mostro, fuori per Indieca Records

109

Il mostro ci accompagna, mangia insieme a noi, respira la nostra stessa aria e si nutre di quello che siamo: dei nostri ricordi. Il mostro siamo noi tutte le volte che ci voltiamo dall’altra parte, che lasciamo prevalere il silenzio alla potenza delle parole, che ci neghiamo il piacere di un abbraccio. Il mostro sono tutti gli altri quando non ci comprendono, quando non sanno di farlo e, soprattutto, quando lo fanno per il semplice gusto di ferirti.

Attraverso questo brano Yule (all’anagrafe Elena Ricci), artista appena diplomata al Liceo Musicale di La Spezia, si presenta sul mercato. Disponibile su tutte le piattaforme digitali distribuito per Indieca Records, la canzone parla del rapporto tra una giovane ragazza ed il mostro che vive dentro la sua testa: fatto di paure, incertezze, incomprensioni.

In una società fondata sull’apparenza il vero mostro è e rimane la paura che gli altri non capiscano (e condividano) quello che diciamo o pensiamo: è il grande male dei nostri giorni. Dovere a tutti i costi assecondare i gusti dell’altra persona, quasi fosse un tuo fan a tutti i costi. Una produzione rock energica quella di CDA per Nk studio che aggiunge un’altro bellissimo fiore nel suo catalogo di giovani promesse della musica italiana.