“Un martedì sera” con Bidibea

113

Esce venerdì 14 Maggio il singolo d’esordio di Bidibea, “Un martedì sera”. La scelta di un brano così intimo come prima release viene raccontata direttamente dall’artista:

“ ‘Un martedì sera’ è una canzone che nasce dal bisogno di aiuto. Una ragazza, i suoi attacchi di panico, la necessità di sentirsi bene, di sentirsi accettata e un pianoforte. Questi elementi incastrati tra loro non potevano che portare al compimento di un testo, il primo vero brano di BidiBea. Una giovane donna ansiosa, che aveva paura del mondo, della vita: con la musica tutto è cambiato, a partire da un incontro casuale con la “Roba da matti”dischi, che dapprima ha creduto in lei dandole quella spinta che da tempo cercava per buttarsi nel grande mondo della discografia”.

Con questo testo tenta di dedicare alla grande arte di cui ad oggi Beatrice è rappresentante, la musica, tutta la gratitudine e l’importanza che merita. Per quanto le riguarda, non è solo intrattenimento, ma medicina; l’obiettivo è che ogni ascoltatore possa comprendere a pieno quanto è importante sapersi reinventare davanti ad ogni ostacolo trovando la forza in ciò che si ama.

Come racconta la stessa Bidibea, “il brano nasce in risposta ad un grande bisogno di comunicazione. In particolare volevo che tutti potessero dare la giusta importanza alla musica , intesa non solo come arte ma come medicina.” “Questo mio primo singolo vuole essere d’introduzione a quello che e’ il mio rapporto con la musica, un rapporto indispensabile al mio essere e al tempo stesso edificante per tutti gli aspetti della mia vita”.

Sei al tuo esordio musicale, emozionata?

Moltissimo ragazzi, è davvero qualcosa di inaspettato perché la mia vita stava per prendere tutta un’ora direzione, e invece eccomi qua.

Come mai hai scelto come titolo “Un martedì sera”?

Il martedì non viene mai considerata una giornata speciale. Tutti siamo a lavoro, infaccendati nelle nostre vite quotidiane e invece è proprio alla fine di giornate ” normali” come queste che ci serve avere affianco qualcosa o qualcuno a supportarci.

È in programma anche un video?

Sicuramente si, ma non a breve . Sto partecipando a diversi concorsi nazionali che mi tengono molto impegnata.

Come ti sei vissuta questo periodo di reclusione?

In realtà per me la reclusione non è mai iniziata davvero… mi spiego meglio: avendo sofferto di attacchi di panico,  negli ultimi anni non riuscivo mai ad uscire o frequentare posti affollati. Proprio quando stavo iniziando a riprendermi è arrivato il lock down… dunque non è cambiato nulla , semplicemente ho continuato a stare a casa.

Prossimi step?

Mi piacerebbe molto promuovere il singolo ad Area Sanremo e continuare a scrivere . Nel frattempo però voglio anche concludere il mio percorso di studi.