Tra le contaminazioni riuscite di Aigì, che racconta tutto ciò che non siamo

66

Non sentivamo da un po’ il nome di Aigì, artista che un anno fa si lasciò apprezzare dalla nostra redazione con un singolo dal retrogusto mainstream dedicato alla “sua” Firenze: “Piazzale Michelangelo” rivelava già la penna di Aigì, che dopo uno stop quanto mai rigenerante di un anno torna a farsi apprezzare con “Io che non”.

Il brano parte subito senza fronzoli, andando a mettere in chiaro tutto ciò che Aigì sa di sé stesso passando proprio dalla comprensione di ciò che, invece, non lo definisce affatto: dalla somma di negazioni che Antonio dissemina nel brano emerge il profilo di un tentativo di ricerca su sé stessi che passa dalla negazione più che dall’affermazione, come a voler ritrovare tra le macerie ciò che resiste al crollo delle certezze e delle sicurezze personali sì, ma oggi più che mai tragicamente collettive.

Aigì prende spunto da Madame per intelaiare un testo che ricorda i primi Perturbazione con qualche spunto di Ex-Otago, sempre nel segno di un approccio autorale che punta a dare alla parola il giusto peso, senza però appesantirsi di retorica stantia. Insomma, un ottimo ritorno per un artista da seguire con attenzione: a maggior ragione perché completamente indipendente.

Sì, come piace a noi.