The Soul Sailor and the Fuckers presentano Multicolour Brain!

1500

Scritto da Sara Stella

Ritornano sulle scene musicali The Soul Sailor and the Fuckers con il loro sesto album dal titolo  Multicolour Brain!.

Per chi non lo sapesse, The Soul Sailor è Simonfrancesco Di Rupo, cantautore di Perugia che insieme alla sua band, i Fuckers ci regala bellissimi brani in stile anni Sessanta.
The Soul Sailor ama tantissimo artisti come Paul Weller e le band del britpop, le sue canzoni sono infatti piene di rimandi a questa musica.
Multicolour Brain! è un album variegato e pieno di sonorità differenti.
Si inizia con Sad but True, ricca di citazioni sixties e si continua con Ha-Ha, well well. Il pezzo risulta molto bello ed orecchiabile, cattura al primo ascolto grazie alle ottime chitarre.
Con She Came To Me Singing La La La ascoltiamo la prima ballad del disco: la freschezza del pop inglese rivisitata con intelligenza e tanto amore per quella musica.
Merita una menzione particolare Mover Over, duetto romantico e dolcissimo sorretto da una voce femminile molto intensa.

Dopo quest’altra meravigliosa ballad, arrivano le belle Living In A Ballroom e Weak Week, dal forte sentore beatlesiano sia nel mood che nel cantato. Don’t Give It Up, sconfina nella psichedelia.
Conclude l’album Democracy Is Just An Old Illusion, in cui Soul Sailor e i suoi Fuckers, come moderni menestrelli raccontano che in fondo la democrazia è solo una vecchia emozione.

Multicolour Brain! è un album pieno di sfumature, di chitarre molto interessanti: chi lo ascolta lo ama subito e ne apprezza la freschezza, sebbene si rifaccia agli anni d’oro del pop, ossia i mitici ’60.
E’ questo il valore aggiunto di The Soul Sailor. Questo sarà l’album della svolta, non ci sono dubbi!

Contatti:
Facebook TheSoulSailor
M
ySpace thesoulsailor
Y
ouTube TheSoulSailor