Spaltro – Vol. 1 (autoproduzione)

117

Spaltro – Vol. 1 (autoproduzione)

https://open.spotify.com/intl-it/album/5BN2OZF0PSLCHhXk7GoNni?si=gDLPxEo3TsGyyba9bZfUVA

Qui prendiamo in considerazione e recensiamo con grande piacere un disco CONSAPEVOLE. Consapevole della natura umana (quando Spaltro canta “Viviamo tutti nella la stessa caverna senza renderci conto che siamo l’anello tra il cielo e la terra”). Consapevole dell’inadeguatezza che ci fa provare questo mondo che ci mette in competizione con chiunque fin dall’asilo (quando canta “Se mi chiami mi vergogno Di non essere speciale”). Consapevole che non si è né supereroi né senza data di scadenza (nella bellissima e straziante “Dopo la chemio”. Consapevole che siamo carne e ossa, ma anche acqua e aria e che il respiro è ciò che scandisce le nostre vite. E allora Spaltro ha il coraggio di ascoltare…. “Ho chiuso gli occhi per restare attento / Come una goccia che si scava dentro / Ed ho provato anche a lasciarmi andare / A non pensare a niente e ad ascoltare /Il mio respiro il mio stare male /Il mio immenso bisogno di amare”, canta ne “Il  mio respiro”. Insomma, Spaltro è per chi vuole essere consapevole.