Recensione dell’album “Hobby Costoso” di Bimbo

42

L’album “Hobby Costoso” di Bimbo emerge come un tentativo coraggioso e introspettivo di esplorare la difficile vita di un artista emergente. Ogni traccia si immerge in tematiche profonde che spaziano dall’autoironia alla tragedia sociale, tutto dentro un caleidoscopio di sonorità che vanno dal soul psichedelico all’elettropop degli anni ’80.

 

Fa’ che sia un gioco – Questo brano incapsula la leggerezza e il ritmo coinvolgente dell’elettronica dance, invitando gli ascoltatori a riscoprire la gioia pura e infantile della vita, come se fosse un gioco.

 

Preferisco morire – Profondo e riflessivo, il brano esplora temi globali come il cambiamento climatico, avvertendo contro la manipolazione politica ed economica, il tutto accompagnato da vibranti sonorità afro e tocchi elettronici.

 

Niente da dire – Un’espressione di delusione amorosa, il brano usa il basso per sottolineare la monotonia e la ripetitività dei giorni, simboleggiando un ciclo dal quale è difficile uscire.

 

Cioccolato – Una ballata che affronta la dipendenza, in questo caso dal cioccolato, come metafora di un bisogno più profondo di affetto. Le sonorità classiche abbracciano delicatamente il tema sensibile.

 

Buona fortuna – Un augurio ironico alle nuove generazioni, raccontato attraverso sonorità che mischiano funky anni ’70 ed elettronica sperimentale, riflettendo la difficoltà di comunicazione intergenerazionale.

 

Hobby Costoso – La title track dell’album è una riflessione sull’arte come necessità vitale ma economicamente gravosa, con un accompagnamento di basso ostinato e pianoforte che flirta con il melodico.

 

È successo all’improvviso – Un approccio equilibrato al tema del femminicidio, invitando alla riflessione su una società priva di valori attraverso un soul psichedelico che colpisce direttamente al cuore.

 

Un’altra bugia – Un brano elettropop che critica l’uso non creativo della menzogna, suggerendo che una bugia poetica possa essere più valida di molte verità convenzionali.

 

Prendersi in giro – Una traccia che promuove l’autoironia come strumento di introspezione e crescita personale, con sonorità afro che richiamano l’energia di “Prisencolinensinainciusol”.

 

Parlava da solo – Una narrazione emotiva e personale su un amico colpito da una disabilità a causa di un trattamento sanitario, espressa attraverso un soul intenso e passionale.

 

“Hobby Costoso” è un album ricco e poliedrico che tocca corde emotive profonde, mantenendo una coerenza tematica forte attraverso una varietà di stili musicali. Bimbo si conferma non solo come artista ma come un narratore sensibile delle realtà contemporanee, facendo dell’album un’esperienza indimenticabile per chi cerca nella musica non solo intrattenimento ma anche riflessione e connessione umana.