La band dei Soul Kamikaze con il singolo “Even” | INTERVISTA

139

Stile, ricerca ed eleganza sono le parole d’ordine in questo nuovo progetto discografico dei Soul Kamikaze che continuano a stupire in un viaggio musicale che sembra non avere alcun limite o confine.

Come mai avete deciso di trasformare le vostre sonorità? Credete di aver trovato un punto fermo o avete intenzione di continuare a mutare, mostrandovi aperti alle novità?

Le nostre sonorità sono mutate spontaneamente con passare del tempo. In ogni caso certe decisioni non si prendono a tavolino. I nostri suoni si sono evoluti seguendo la nostra maturazione umana e musicale… nessuno di noi può dire se rimarranno immutati oppure no. Probabilmente cambieranno ancora pelle, augurandoci che siano ancora più interessanti.

Da dove siete partiti a fare musica? Da dov’è nata l’esigenza di rinnovarsi?

Ognuno di noi ha esperienze musicali, inizi ed esperienze diverse. Per quanto riguarda il discorso corale, abbiamo iniziato insieme cercando di mischiare le nostre diverse influenze in modo più sensato possibile. Certe esigenze si sviluppano normalmente nella testa di un musicista. Il giorno che non sentiremo più esigenze di rinnovamento ed emozioni nuove, sarà ora di smettere.

Come siete riusciti a creare un testo così spontaneo ed autentico, senza risultare banali? Avevate l’esigenza di raccontare qualche situazione vissuta?

I testi nascono in modo molto diretto, per poi essere eventualmente addolciti e smussati volta per volta. Ovviamente racchiudono esperienze personali, anche se espresse in modo leggermente ermetico. Questo a nostro avviso rende la scrittura più immediata e meno banale. Almeno per i nostri gusti…

La vostra musica sembra quasi accompagnare l’ascoltatore in lungo viaggio, quale vorreste che fosse la meta finale?

È un concetto molto bello, ma non ci sentiamo di voler guidare nessuno in nessuna meta. Diciamo che vorremmo essere il mezzo di trasporto che accompagna ognuno verso la propria meta personale… non abbiamo la pretesa di essere autisti, ci sentiamo più autoradio.