KARIN ANN E GLI EFFETTI COLLATERALI DI ESSERE UMANI

40

KARIN ANN – SIDE EFFECTS OF BEING HUMAN (3AM/ARTIST FIRST)

Conosciuta come l’idolo pop della Gen Z dell’Europa orientale, la wunderkind slovacca Karin Ann prosegue la sua serie di alt-pop song, tra cui l’ultima chiassosa traccia pop-punk “looking at porn”, brano che ha anticipato l’uscita dell’ep side effets of being human,.il nuovo EP si tuffa a capofitto nelle profonde voragini del sentimento adolescenziale, attraversando temi di cuore, insicurezza, solitudine e angoscia, tra le altre cose. Con una così sincera dimostrazione di emozione, il suo lavoro può essere considerato una sorta di sintesi pagine strappate dal suo diario privato.

Membro della comunità LGBTQ+ e sostenitrice dei diritti delle minoranze, Karin Ann è attivamente alle prese con l’establishment conservatore slovacco con la sua musica e recentemente ha eseguito uno spettacolo in collaborazione con Amnesty International ČR a favore dei diritti delle minoranze. È stata anche la prima slovacca ad apparire su una gigantesca bacheca a Times Square, New York come parte del programma musicale EQUAL di Spotify. Il suo lavoro finora è focalizzato sul lato più difficile del passaggio all’età adulta, con tracce che toccano una serie di argomenti sociali, come l’uguaglianza di genere (in babyboy), le relazioni tossiche (we’re friends, right! e !use mei!) e cyberbullismo (looking at porn).

 

Dopo aver sperimentato il mondo delle belle arti e dello sport, alla fine ha trovato la sua vocazione nel mondo della musica. Influenzata da musical, colonne sonore televisive e band come i Queen, ha scritto la sua prima canzone all’età di 14 anni, ha collaborato con un produttore inglese per le sue prime canzoni all’età di 15 anni, e alla fine ha attirato l’attenzione del produttore Tomi Popovič, che l’ha supportata per tutto il processo di creazione del suo EP. Il suono di Karin Ann è sia luminoso che atmosferico, raggiunge un perfetto equilibrio tra astratto e tangibile, simile allo stilo unico e melodicamente guidato dei più grandi nomi del pop come Billie Eilish, Lorde e Girl In Red.

 

Side effetcs of being human, preceduto da grandi pop songs come I’m a loser, in company, looking at porn e we’re friends, right? ma anche da !use me!, è un disco dance, rocky ma anche delicato e introspettivo come nella canzone  Winter Song,

La giovane popster spera di portare un messaggio la sua musica. “Voglio essere considerata più di una semplice cantante, perché ci sono così tante questioni di cui è necessario parlare”.

 

INTERVISTA

 

  1. Quando hai pubblicato il tuo primo EP, hai detto a riguardo: “Fino ad ora la gente aveva solo una manciata di singoli per fare un’opinione su di me. Questo è il primo mio progetto completo e per me l’intero EP racconta una storia. Alcune canzoni si connettono tra loro e in altre sto parlando di cose di cui non avrei mai pensato di parlare al pubblico. Spero solo che le persone che mi hanno sostenuto fino ad ora ameranno questo progetto e sentiranno la storia tanto quanto me.” Voglio costruire una comunità. Più persone si relazionano con esso, più persone può aiutare e può salvare, e più forza dovranno essere compresi e non sentirsi soli. “È passato 7 mesi e stai per pubblicare il tuo nuovo EP. Quali sono i principali cambiamenti che senti siano accaduti nella tua vita e nella tua carriera nel frattempo?

 

Beh, per il pubblico sono passati 7 mesi ma per me in realtà sono passati 4-5 anni da quando ho finito quell’EP, quindi penso che sia inutile dire che tutto è cambiato, voglio dire che sono passato dall’essere un bambino letterale all’essere un adulto e solo questo di per sé è un enorme cambiamento.

 

  1. Qual è la linea di idee / storia del tuo nuovo EP?

 

Al solito tutto è venuto dal cuore e dalle cose che stavo provando, una delle più grandi differenze tra questo EP e il primo EP è che per il 1 ° EP avevo un’idea di come volevo che si chiamasse e di come volevo che fosse e di cui parlasse, quindi inserisco le canzoni in quello, ma con questo secondo in realtà non avevo idea di quello che stavo facendo, sono successe molte cose e ne ho appena scritto e un giorno mi sono reso conto che tecnicamente ho un EP completo tra le mani, ho guardato il tutto, ho guardato cosa hanno in comune tutte le canzoni e sono giunto alla conclusione che tutte le canzoni parlano solo di argomenti molto banali e problemi che penso che tutti attraversino, specialmente quando diventano adulti e capiscono se stessi e ho solo pensato che questi soggetti, queste cose che le persone attraversano sono come effetti collaterali dell’essere umani, ed è così che è nato l’intero concetto.

 

  1. Hai avuto qualche cooperazione interessante o in qualche modo (per te) importante su di esso che vuoi menzionare?

Mi è piaciuto molto creare questo progetto, ci ho lavorato con persone che mi hanno permesso di essere creativo con esso e mi hanno permesso di esprimere la mia visione, quello che ho anche amato di più di questo EP è che 2 delle canzoni su di esso che ho scritto con i miei amici, quindi è stato un processo molto divertente.

 

  1. Cosa puoi dire di ogni traccia?

Tutti riguardano concetti umani, in questo EP Idiscuss cose come relazioni, amicizie, come possono arrivare relazioni e amicizie tossiche, salute mentale, crescita e molto altro. Non voglio entrare nei dettagli in ogni traccia separata perché non voglio dire alla gente di cosa devono parlare le canzoni, voglio che le persone siano libere nell’applicare le canzoni alla propria vita..

 

5.Is c’è una traccia principale per te? Quale? Perché è importante per te? Non proprio, per me tutte le tracce sono importanti e hanno un significato.

 

6.Quali sono i tuoi piani per la tua carriera musicale nel prossimo futuro? Sto scrivendo e registrando nuove canzoni, ho anche un tour in arrivo a marzo: sto supportando Alfie Templeman nel suo tour europeo.

 

7.Con chi vorresti collaborare musicale?

Molte molte persone, troppe da nominare.

 

8.Dove possiamo vederti eseguire il tuo nuovo EP? A marzo del tour europeo di Alfie Templeman, ci saranno spettacoli a Parigi, Colonia, Bruxelles, Amburgo, Berlino, Monaco di Baviera.