Intervista a Zize: il suo primo singolo e i progetti futuri

46

Oggi abbiamo il piacere di intervistare un giovane talento emergente nel panorama musicale italiano: Alvise Benazzato, conosciuto con il nome d’arte Zize. Nato a Padova nel 2003, Zize ha coltivato una profonda passione per la musica fin dalla tenera età. A soli otto anni, si avvicina alla batteria, strumento che continua a suonare con dedizione e maestria.

Durante il periodo di quarantena dovuto alla pandemia di Covid-19, Zize scopre un nuovo amore musicale: la chitarra. Inizia a suonarla da autodidatta, con l’intento di accompagnarsi nel canto, ampliando così il suo repertorio artistico e musicale.

Parallelamente alla sua crescita musicale, Zize ha completato il suo percorso di studi al Liceo Classico Tito Livio e ha intrapreso gli studi di Giurisprudenza presso l’Università di Padova.

Da febbraio 2023, Zize è seguito dall’Up Music Studio, un’importante tappa nella sua carriera artistica che lo ha portato a pubblicare il suo primo singolo con loro. “Occhi nuovi”, il suo singolo d’esordio, sarà disponibile su tutte le piattaforme digitali di streaming e in rotazione radiofonica a partire da venerdì 10 maggio 2024.

In questa intervista, scopriremo di più sul percorso artistico di Zize, le sue ispirazioni, e i progetti futuri di questo promettente musicista. 

Quando e come ti sei avvicinato al mondo della musica?

Mi sono avvicinato al mondo della musica da piccolo, grazie ai miei genitori, grandi appassionati di musica, iniziando a suonare la batteria alle elementari.

Quali sono i tuoi artisti preferiti e quale tipo di musica ascolti?

I Red Hot Chili Peppers sono sicuramente il mio gruppo preferito in assoluto, ma sono un grande amante del rock in generale, con una passione particolare per il punk rock.

Da cosa ti lasci ispirare quando componi?

Quando compongo mi lascio ispirare da ciò che mi circonda e da quello che vivo.

Solitamente racconto parti della mia vita, nelle mie canzoni, ma a volte provo a raccontare qualche storia.

È da poco uscito il tuo ultimo singolo. Ci racconti com’è nato.

“Occhi nuovi” nasce da un sogno che ho fatto. Nel sogno ho immaginato di ricominciare una relazione, ma le sensazioni erano quelle di un incubo. Da questo sogno nasce la canzone.

Come definiresti le sonorità di questo pezzo?

Le sonorità di questo pezzo le reputo dolci, ma aggressive. Nel senso che, pur essendo un pezzo romantico, ho cercato di renderlo un po’ movimentato.

Di chi è l’idea del video e da chi è stato girato?

L’idea del video nasce dallo stesso regista, Massimo Volta. Lo ringrazio tantissimo per aver deciso di utilizzare l’intelligenza artificiale e di aver avuto questa idea brillante.

Quali saranno i tuoi prossimi passi discografici?

Per adesso mi limito a cercare di portare questo pezzo su quanti più palchi possibile e poi, per il futuro, si vedrà.