Intervista a gli Scile: “Testardi, intraprendenti e rock’n’roll”

39

Gli Scile sono un gruppo pop-rock formatosi a Matera e composto da Davide Morina, Nicola Di Taranto, Piero Lo Senno, Salvatore Leone e Carlo Di Gilio. Il percorso artistico della band ha inizio nel 2017 a seguito di anni dedicati ad un primo progetto dal nome (M.D.G.A.) orientato al rock elettronico contaminato da un crossover derivante dalle preferenze musicali dei componenti. Le numerose esperienze calcando i palchi più disparati, contribuiscono alla definizione di una autentica live band vecchio stampo. Nel 2017, il loro forte affiatamento, nonché la voglia di sperimentare e di evolvere artisticamente, li porta a cambiare nome arrivando al definitivo Scile, e a pubblicare l’Ep d’esordio “Hai vinto” uscito nel 2019, prodotto da Antonio Marcucci e Simone Asilo, produttore esecutivo Francesco Stoia. Nel 2021 la band è in uscita con “Come neve dentro al cuore”, singolo precursore di un nuovo progetto discografico che vede la realizzazione di un cortometraggio, e parallelamente del videoclip con la collaborazione di Gianluca Della Monica alla regia, e del rocker Timothy Cavicchini come attore. Pubblicato con la ND Records “Tieniti Tutto” è il brano che ispira l’omonimo film coprodotto dalla stessa band con Golia srl, Amico Film srl, Francesco Stoia, Gianluca Della Monica, Giacomo Caporale e Debora Scalzo.

Come nasce una vostra canzone?

Generalmente io ”Davide” butto giù la prima idea che successivamente condivido con il gruppo, in fine la ultimiamo insieme al nostro produttore artistico (Antonio Marcucci).

Perché il titolo «Tieniti Tutto» e non prenditi tutto, per esempio…

Perché “Tieniti Tutto” rende di più l’idea di lasciare all’altro qualcosa di condiviso in precedenza.

Pensate già al prossimo progetto?

Decisamente sì, proprio in questi giorni stiamo lavorando al prossimo singolo che uscirà in autunno ed avrà un sound decisamente Rock!

Quali sono le vostre influenze costanti?

Ognuno di noi ha le proprie ispirazioni e preferenze musicali, uno dei miei miti è Layne Staley (Alice in Chains).

La cover del singolo è stata creata da voi?

Si la cover l’ho disegnata personalmente, mi occupo di disegno, fumetto e illustrazione.

I vostri brani catturano bene le circostanze umane, come riuscite ad esprimere le cose/situazioni in canzone?

Ci piace l’idea di scrivere provando ad immaginare di guardare un film, o con l’idea di raccontare qualcosa di impossibile che diventa possibile.

Come vi definireste in tre aggettivi?

Testardi, intraprendenti e rock’n’roll.