Il Salotto di Malcom: DORALE

56

“Immaturo”. Decisamente un’ammissione di colpa, un potere di critica personale che parte da un punto inarrivabile per le nuove generazioni tutte concentrate in un “io” imperante. Eppure lui, DORALE, rapper che all’anagrafe si firma Alessandro Fiorenzoli, non ci sta ai convenevoli e sa bene da dove partire con un disco che ci piace per il flow e per il suono. E in questo salotto virtuale, come accade spesso, lascio entrar dentro il flusso emotivo di ognuno che da ognuno, quando sincero, arrivano soltanto cose buone. Per quanto, al rap primigenio, rivendico sempre un fango e una dannazione di strada che ormai, per fortuna, molti vivono solo per sentito dire…

Benvenuto nel mio salotto virtuale. Ormai tutto è virtuale… anche il sesso lo sarà a breve. Tu come ti poni di fronte alle nuove normalità?


Partendo dal presupposto che non rispecchiano la mia visione di normalità, per portare avanti in particolare questa passione è indispensabile omologarsi, e quindi fare uso di social ecc ecc ecc.
Io odio i social e quando ho scoperto che sono indispensabili per fare musica sono andato nel pallone, anche per la mia ignoranza in materia.
A mia parere bisognerebbe riuscire a trovare l’equilibrio giusto tra tecnologia e realtà, per non distruggere tutti i nostri lati umani.

DORALE come vede il rap di oggi? Molti dicono che è un’altra deriva delle mode del momento…


Il rap esiste da moltissimi anni, ciò che c’è di più nuovo sono le sottocategorie nate negli ultimi anni come trap e drill. Sicuramente queste due correnti sono state costruite e temprate dalle mode odierne e dagli stati di animo. La musica rispecchia le emozioni delle persone e ciò che traspare dalle canzoni d’oggi è un profondo senso di impotenza e paura del futuro.
Io non sono un vero e proprio rapper la mia musica cerca di andare in una direzione diversa.
Quello che voglio esprimere con le canzoni è l’amore, la felicità e le delusioni che ahimè tutti abbiamo provato.

E poi un disco come “Immaturo” ha tantissimi agganci con il passato o sbaglio?
“

Immaturo” è un album moderno ma allo stesso tempo datato sia per i generi presenti al suo interno sia per le emozioni provate da me.

In vinile questo disco… non trovi che ci starebbe bene?


Il vinile sarebbe il mio sogno più che altro per poter toccare con mano il primo tassello della mia avventura nella musica. Io preferisco gli o oggetti ai pixel e per questo sarei molto felice di un ritorno dell’industria musicale ai tempi passati.

E nell’era delle cose da vedere subito, un video ufficiale di DORALE?


Il video ufficiale uscirà a breve.

Strada facendo, ci provo a lasciarmi andar per quanto il genere non sia di primo pelo ed io non li trovo mai opportuni per la mia vita. Ma questi sono problemi miei… in questo salotto vive la normalità delle cose e l’unica normalità che penso sia utile e doverosa da segnalare, è quella dell’arte espressa senza intercessioni. E in questo “Immaturo” sembra un disco decisamente maturo