Il ritorno del rocker MEZKAL con il singolo “Gioia”

32

Dopo l’uscita dei brani Tutta la città e Dove, è fuori sui digital stores dal 2 settembre 2022 Gioia, il terzo singolo da solista del giovanissimo rocker romano Mezkal.

 

L’artista dichiara:

«Gioia è stata l’occasione per dire tutto quello che non sono mai riuscito a dire ad una mia ex fidanzata. Cioè che l’ho tradita. Come l’episodio che l’ha ispirata, Gioia è un brano spontaneo e diretto, sia da un punto di vista di scrittura che di produzione. Io e Wepro abbiamo deciso di lasciarlo ‘di pancia’ il più possibile. Ne è venuta fuori una canzone che non usa giri di parole. Forse quello che avrei dovuto fare anche io con la mia ex ragazza. D’altronde, meglio tardi che mai».

 

 

Credits

Artist: Mezkal

Autori: Diego Taralletto De Falco, Marco Castelluzzo (MEZKAL/WEPRO)

Compositori: Diego Taralletto De Falco (MEZKAL)

Prodotta da: Diego Taralletto De Falco, Marco Castelluzzo (MEZKAL/WEPRO)

Recording: Haremonix Studio

Mix and Master: Matteo Dell’Unto

Genere: Alternative Rock

 

 

 

BIOGRAFIA

Mezkal si racconta:

«Avevo 12 anni quando dallo stereo della macchina è partita London Calling. Un pezzo che avevo già sentito, ma che non aveva mai avuto lo stesso effetto. Da quel momento il mio unico desiderio era una Stratocaster. Che ovviamente non sapevo ancora suonare. Sono seguiti anni di lezione di chitarra classica e di discutibili composizioni musicali. Nello stesso periodo ho collaborato con una rock band anagraficamente molto più grande di me, che mi ha insegnato ‘la professione’, tra sessioni di prove e registrazioni in studio. Poi il mio percorso diventa terribilmente stereotipato: la classica rock band del liceo, i Gryps, con i capelli unti lunghi fino alle spalle, pezzi in un inglese improvvisato e tanti centri sociali. Ma con un solo vanto: mai fatto una cover. La fine era altrettanto scontata, ma in fondo lo sapevamo tutti. Quindi ci siamo divertiti. Superato il panico del trovarmi da solo, ho deciso che era il momento di rimboccarsi le maniche e trovare il mio percorso. E soprattutto di abbandonare le canzoni in inglese».

 

MEZKAL, ha 18 anni. Ma è anziano dentro. Il suo percorso musicale è variopinto e corposo nonostante l’età: ha inciso due album da chitarrista con un gruppo di veterani del glam rock, con cui continua a collaborare. Negli stessi anni ha calcato i palchi dei centri sociali romani imbracciando la Strato mancina con la sua vecchia band. Poi la svolta solista dopo uno scioglimento da manuale, un classico per le band di liceali. E l’incontro con il suo mentore artistico, Wepro, diventato poi suo produttore. Con lui ha trovato il suo genere e il suo suono: un singolare matrimonio tra il punk e l’elettronica, che non perde l’impronta della chitarra rock.

 

Segui MEZKAL qui:

Facebook: https://www.facebook.com/mezkal.off.page

Instagram: https://www.instagram.com/mezkal__/