Giacali, intervista: “La felicità è intrinseca e non va ricercata tramite gli status”

54

Il cantautore calabrese Giacali ci racconta Uccelli senza ali, il suo secondo singolo prodotto da Andrea Pachetti dei The Zen Circus, un cantautore di spessore e ricco di metafore

Ciao Giacinto, quale messaggio vuoi lanciare con Uccelli senza ali?
Vorrei semplicemente dire che  la felicità è intrinseca a noi va ricercata interiormente e non attraverso degli status
Un testo ricco di metafore, quale è quella centrale?
La foglia si è recata in caserma finalmente, per essere stata palpeggiata in autunno dal vento ponente. Questa metafora rappresenta l’impossibilità di scelta, non sempre ciò che è naturale è giusto. Perché sostenere che la famiglia naturale è fatta di padre e madre, uomo o donna? Natura è ciò che corrisponde naturalmente alle nostre protezioni senza compromessi o regole.
Il tema dell’eolico cosa simboleggia?
L’eolico è in movimento, rappresentata l’impossibilità di farci pensare, l’impossibilità di sganciarci dal movimento continuo della routine.
)Il tuo secondo singolo, La terra è triangolare ha avuto il riscontro che speravi? Che obiettivi ti poni con il secondo e per il prossimo futuro?
Si! Credo che per essere il primo singolo senza grandi investimenti stia andando bene, non mi interessano i numeri spero di essere ” integrato” in questo mestiere.
Il tuo produttore è lo stesso dei The Zen Circus, come vi siete conosciuti e quale insegnamento più importante ti ha dato finora?

)Si! Ci siamo conosciuti sui social, abbiamo instaurato un bel rapporto, il suo parere è importante semplicemente perché lo stimo e mi fido. È una persona sincera va dritto al punto senza fronzoli.