“G and the Doctor”, la nuova fatica (a colpi di swing) di Turrini/Guidi

50

E’ prevista per domani, 18 giugno 2021, l’uscita del nuovo album del Duo romagnolo.

Due musicisti che condividono palchi, kilometri ed emozioni dal 2010. Da allora Gloria e Mecco hanno pubblicato 5 album, ognuno con un’identità definita, ognuno ad indicare quasi una pietra miliare del loro viaggio musicale. Un viaggio che ha toccato tantissime sfumature della musica nera per arrivare, con il nuovo “G and the Doctor”, alle “origini” con il blues rurale, il jazz di New Orleans e il Rock n’Roll. In questo nuovo lavoro troviamo Gloria alla batteria e Mecco al piano.

Al contrario degli album precedenti, dove ci sono state tantissime collaborazioni, in questo album il Duo fa da “trave portante” rispecchiando così la cifra stilistica dei loro live. E, proprio per questo motivo, non poteva mancare la tromba di Andrea Guerrini in alcune tracce perché il Duo, dal vivo, spesso si trasforma in Trio. Last but not least il featuring degli amici Lovesick Duo nel brano “A rockin good way”, cover di un brano di Dinah Washington del 1960. 9 delle 11 tracce sono composizioni originali che hanno cominciato a prendere vita già nel 2019. Testi che parlano d’amore, di pandemia, di voglia di vivere, di diritti civili.

Un 2021 di rinascita per Gloria e Mecco, quasi a richiamare i ruggenti anni ‘20 del ‘900. Voglia di riscatto, necessità di tornare a vivere, urgenza di condividere emozioni con un pubblico “in presenza”. “G and the Doctor” è proprio questo. La prova che, per loro, questi sono bisogni primordiali, imprescindibili.

BIO

Gloria Turrini e Mecco Guidi sono ormai nomi consolidati e stimati tra i professionisti della scena musicale italiana che, contro ogni tendenza, partendo dalle radici del Blues lasciano contaminare il proprio percorso con altre sonorità, talvolta anche più moderne, di matrice black tra jazz di inizio secolo, gospel, soul e funk degli anni ’60 e ’70. La certezza è che le potenti note scure da contralto di Gloria Turrini, arricchite dalla sua forte e brillante personalità, fanno rivivere la musica d’un tempo attraverso uno spettacolo energico ed emozionante dove traspaiono dinamiche che vanno dal lato più romantico e dolce delle ballad fino ai groove più ipnotici del funk e del soul.

Non è un caso che nel corso della loro carriera si siano rivolti a lei e alla sua incredibile voce molti professionisti come Andrea Mingardi, Max Gazze’, Giuliano Palma, Andy J. Forest e Jackie Allen. Analogo percorso professionale è quello intrapreso da Mecco Guidi, apprezzatissimo pianista e organista, con una carriera costellata di collaborazioni a fianco di Raphael Gualazzi, Mario Biondi, Cesare Cremonini, Marta High, Franco Califano e molti altri, dove ha avuto modo di contaminare anche situazioni di musica pop con il suo grande amore per il jazz e che – grazie al suo personalissimo stile – sta conquistando la sua vasta fetta di pubblico al di qua e al di là dell’Oceano.