E’ uscito Lost Above The Clouds, nuovo singolo di The Things We Hide

37

Alla fine del 2022 il bel singolo Opposite Side of Love, di The Things we hide, veniva pubblicato sui migliori digital store: a colpire era soprattutto l’uso di un’elettronica leggera,mistica e raffinata, di matrice anni 80’, che risentiva di Cocteau Twins, Bjork, Depeche Mode . Il brano colpiva per l’atmosfera fuori dal tempo, impregnata di sonorità new wave, nonché per la splendida voce di Anna Campisi.

Questa ricerca sonora trova ulteriore compimento nel nuovo Lost Above di Clouds, ancora una volta ad opera di questa band, che oramai è autentico collettivo musicale, costituito da un numero maggiore di componenti rispetto alla formazione del 2022: questo brano è stato scritto da Jacopo La Posta (che ha registrato voce e tastiere) e Marco Germani (chitarra acustica ed elettrica), e si avvale della collaborazione di vecchi e nuovi membri del collettivo come Sofia Bonardi (cori), Anna Campisi (cori e seconda voce), Ivano Bonizzoni (basso), Cristiano Sacchi (mixaggio) e il nuovo entrato Riccardo Marino (batteria).

Dopo due singoli ed un album, The Law of Love, la conciliazione tra anni 80 e musica contemporanea prosegue con un nuovo capitolo, decisamente più leggero e breve del singolo precedente. Le sovrapposizioni vocali all’inizio, molto interessanti perché poggiate su scale modali, introducono una sezione lenta, con degli archi in sottofondo. I Depeche Mode di Violator e Songs of Faith And Devotions sembrano influenzare il gruppo, ma l’atmosfera è comunque più leggera e rilassata. Altrettanto interessanti sono le chitarre di Marco Germani, che suona un’acustica ed un’elettrica. Dopo l’ascolto sono soprattutto le linee vocali che si lasciano ricordare, gli intrecci corali, la raffinatezza e l’eleganza dei suoni.

Il brano rende vivi gli anni ’80, ed è interessante notare come questo collettivo sia capace di ridare luce ad un linguaggio e ad alcune sonorità poco in voga. Nello stesso tempo c’è l’elemento rock, forse addirittura hard, che si manifesta nelle chitarre e negli assoli. Sicuramente possiamo aspettarci grandi cose dai The Things We Hide…

L’artwork è stato realizzato da Elisa Collimedaglia.

Link Spotify: https://open.spotify.com/intl-it/album/52CSokE6IXQNQatS7Ev7P7