Darte, intervista: “La mia musica è malinconica e ironica al tempo stesso”

73

Darte si racconta nella nostra intervista, in occasione dell’uscita del nuovo singolo Tisane Love e ci spiega come è nata la sua passione per la musica, ci racconta il suo percorso artistico e tante curiosità

Darte torna con Tisane Love per raccontare come è facile sentirsi persi quando ci si ritrova fuori da una relazione tossica come un’overdose. Prodotta da Alessandro Landini e Marco Ravelli (Pinguini Tattici Nucleari, Iside, Chimamifaro), la canzone fotografa una storia d’amore ormai arrivata al capolinea. Il titolo del pezzo che si ispira ad una fantasiosa tisana dalle miscele afrodisiache, simboleggia metaforicamente, il bisogno di ritagliarsi dei momenti di disintossicazione dalla vita quotidiana che per i due partner non è più possibile riuscire a trovare.

Cosa ti ha ispirato a diventare un musicista?

Ciò che mi ha ispirato probabilmente è stata la possibilità di potermi esprimere in maniera libera. E poi la possibilità di avere un posto nel mondo con la cosa che più mi fa stare bene, credo che mi abbia maggiormente spinto a continuare in questo percorso.

Quanti anni avevi quando hai iniziato a suonare?

Ho iniziato a cantare a 10 anni circa con un cantaTu che mi regalò mia madre. Da lì è nato tutto diciamo. Ma la vera consapevolezza è arrivata tre-quattro anni fa circa, quando ho anche iniziato a scrivere le mie canzoni ed è lì che ho capito che potevo fare la differenza.

Come descriveresti la tua musica?

Se dovessi descriverla direi che la mia musica è malinconica ma sempre avvolta da una sottile ironia che rende il tutto meno negativo. Un po’ come faccio io nella vita di tutti i giorni.

Dove ti sei esibito?

L’ultima esperienza dal vivo è dell’estate appena passata. Ho cantato sul palco del Deejay On Stage di Radio Deejay a Riccione, condividendo il palco con Mahmood, Noemi e Carl Brave. E’ stato figo!

Dov’è il luogo del tuo concerto ideale?

Sarebbe bellissimo poter fare un concerto al Carroponte a Milano.

Qual è la tua canzone preferita da esibire?

Belli come prima credo che sia la canzone che tra tutte faccia uscire il lato più intimo di me.

Quali musicisti celebri ammiri?

Non è ne ho uno di riferimento. Le mie playlist di ascolto ne sono la conferma. Ammiro però i mostri sacri del cantautorato italiano, come Lucio Dalla per esempio.

Qual è il miglior consiglio che ti è stato dato?

Probabilmente quello di essere me stesso ogni qualvolta mi metto in gioco, anche quando le cose sembrano impossibili o difficili. L’importante è provarci e crederci fino in fondo.

Qual è un messaggio che vorresti dare ai tuoi fan?

Vorrei ringraziare chi mi sta supportando in questo progetto. Chi mi porta con sé nelle proprie cuffiette.

Qual è il prossimo per te? (Prossimo Progetto)

Presto usciranno contenuti video del mio ultimo singolo Tisane Love. E poi c’è da aspettarsi altre canzoni molto presto.