CLUB ITALIA – Dieci anni di KeepOn –

1487

11 e 12 Aprile 2014

Oltre 100 concerti in altrettante città italiane 

per affermare che oggi più che mai LA MUSICA E’ DAL VIVO!

 
Manca una settimana al weekend di Club Italia, quando circa 100 locali italiani – in rappresentanza di quasi tutte le regioni e delle città principali, da nord a sud: Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Cagliari, Firenze, Genova, Trieste, Bari, Messina, Matera… – ospiteranno altrettanti concerti di artisti italiani indipendenti. È quest’ultimo il principio che caratterizza l’iniziativa: la musica originale eseguita dal vivo, linfa vitale per la cultura nel nostro paese.

Il circuito KeepOn è stato creato dieci anni fa proprio allo scopo di dare identità, voce e forza ai locali che promuovono la scena musicale, ostinandosi a organizzare concerti a dispetto delle anacronistiche normative burocratiche e fiscali tuttora vigenti. Perciò la serie d’iniziative che ne celebrano il decimo compleanno comincia con un appuntamento ad alto valore simbolico come Club Italia.

All’iniziativa hanno aderito sia i superclub (tra cui l’Hiroshima Mon Amour di Torino, l’Estragon di Bologna, il Circolo degli Artisti di Roma) sia i piccoli locali che rappresentano il cuore pulsante del circuito KeepOn. Fra gli artisti che si esibiranno durante il weekend vi sono esponenti di punta della scena indipendente nazionale: Le Luci della Centrale Elettrica, Brunori Sas, Calibro 35, Il Management del Dolore Post Operatorio, Perturbazione, Nobraino e Levante.

Scopri l’elenco di tutti i concerti su:  www.keepon.it

L’appuntamento, organizzato in collaborazione con Tuborg e Più Musica Live (campagna promossa dall’ex assessore alla Cultura del Comune di Milano Stefano Boeri, che ha portato all’approvazione di un emendamento al decreto Valore Cultura che di fatto liberalizza i concerti sino a 200 spettatori), è preceduto dalla campagna virale su YouTube “La musica è dal  vivo”, curata da Matriosca Video, che può contare su testimonial d’eccezione quali Manuel Agnelli, lo stesso Stefano Boeri e Giovanni Gulino dei Marta sui Tubi.

MANUEL AGNELLI:

MARTA SUI TUBI:

STEFANO BOERI:

Fonte: comunicato stampa KeepOn