A capofitto nel cult pop di Cardo

38

E’ uscito oggi “Quanti te ne fai”, il nuovo singolo del cantautore campano Cardo, già coinvolto in diversi progetti musicali di spessore (tra cui I Botanici, di cui è stato leader e cantante) fino al suo esordio da solista avvenuto con Futura Dischi: “Un amaro, grazie“, EP del 2019, segna l’inizio del progetto “Cardo”, in cui Mirko Di Fonso si lancia a capofitto riscuotendo il plauso di critica e pubblico.

Lo stile di Cardo, a metà tra cult e pulp, si rifà in modo più o meno esplicito al piglio rock tutto all’italiana di Vasco Rossi: i riferimenti al vate di Zocca, nelle canzoni dell’artista di San Leucio del Sannio, diventano elementi strutturali di una poetica ben precisa, che continua a rendere presenti ed evidenti i proprio padri putativi.

Dopo l’esperienza con Futura, Cardo passa all’allora neonata Dischi Rurali, che nel giro di poco tempo diventa un interessante fucina di talenti provenienti, sopratutto, dall’area campano-irpina (ultimamente, abbiamo avuto modo di apprezzare il disco d’esordio di Stefanelli, pubblicato proprio dall’etichetta rurale); nella modalità di produzione autogestita proposta dalla label, Mirko riesce a dare ampio spazio a quel germe “cult” emerso fin dal primo lavoro da solista, trasformandolo in “icona” di un nuovo movimento pop incentrato su sonorità rock anni Ottanta e su tesi ironici e sfrontati. I titoli dei brani di Cardo riassumono (pur senza definirlo) il messaggio dei suoi testi, lasciando trapelare un approccio ironico e libertino alla vita, impegnato nel disimpegno da qualsiasi vincolo e tabù.

Anche in “Quanti te ne fai”, Cardo provoca l’ascoltatore quanto la destinataria (reale o immaginaria che sia) del brano: il linguaggio usato è diretto, genuino e “intellettualmente onesto”, ricordando l’eccesso espressivo di “Colpa d’Alfredo” – brano che anche il giro di chitarra, in qualche modo, richiama esplicitamente. Il risultato è un brano dal retrogusto vintage, che fa dell’interpretazione di Cardo il suo punto di forza; un brano del genere, in effetti, può essere cantato solo da lui: interpretato da altri, potrebbe perdere di sincerità, apparendo per ciò che non è.

Non c’è violenza né rabbia distruttiva, in Cardo: solo un tentativo di fare pace con il passato vivendo con ironia il presente, e sussurrando divertito all’orecchio di chi non capisce le sue provocazioni: “una risata vi seppellirà”. Noi, ce la ridiamo con lui.

Foto in copertina di Chris Di Fonso.